Pubblicato da: daniela | dicembre 17, 2007

Calendario anti-obesità 2008

Nella foto il ministro Livia Turco (immagine del calendario)

E’destinato ai centri antiobesità e diabetologia di tutta Italia

Voluto dall’Adao, ha come obiettivo quello di accendere i riflettori su diabete, ipertensione, tumori intestinali. Tra i protagonisti Alfredo Biondi, l’onorevole Gabriella Carlucci, Iva Zanicchi, il criminologo Francesco Bruno, don Pierino Gelmini, e il campione di pugilato Patrizio Oliva. La fotogallery

Roma, 13 dic. (Adnkronos Salute) – C’è anche il volto sorridente di Livia Turco tra i 12 ‘big’ che hanno deciso di sostenere un calendario particolare: quello voluto dall’Adao (Associazione per lo studio e la ricerca dei disturbi alimentari e dell’obesità) per promuovere alimentazione sana e salute, presentato oggi a Roma.

Dodici volti noti della politica, dello sport, dell’imprenditoria e dello spettacolo per altrettanti mesi, ognuno abbinato a un messaggio ‘di salute’ rivolto agli italiani. Insieme al ‘trio’ governativo, forte della Turco, del Guardasigilli Clemente Mastella e del ministro dello Sport Giovanna Melandri, sfogliando le pagine del calendario si incontrano i senatori Mario Cutrufo e Alfredo Biondi, l’onorevole Gabriella Carlucci, l’imprenditore Aldo Palombini, il presentatore Claudio Lippi. E ancora, Iva Zanicchi, il criminologo Francesco Bruno, don Pierino Gelmini, e il campione di pugilato Patrizio Oliva.

Il calendario è destinato ai centri antiobesità e diabetologia di tutta Italia, perché “chi ha la conoscenza e la responsabilità ha il dovere di indicare la strada”. Fra i messaggi rivolti agli italiani: “La salute comincia dal carrello della spesa”.

In particolare, nel mese di giugno il viso del ministro della Salute invita a “smettere di fumare, controllare la pressione, gli zuccheri e i grassi nel sangue”. Insomma, il calendario vuole accendere i riflettori su obesità e patologie correlate, come diabete, ipertensione, tumori intestinali. Un “intervento forte e mirato – spiegano gli organizzatori dell’iniziativa – che punti alla prevenzione e individui anche soluzioni per aiutare gli obesi ad affrontare la quotidianità”. Con la speranza che il calendario dia “un’accelerata all’iter parlamentare del primo disegno di legge sull’obesità – dice all’ADNKRONOS SALUTE il senatore Mauro Cutrufo, firmatario del testo e volto del mese di marzo del calendario – presentato nel maggio 2006. Alla Turco e alla Melandri vogliamo chiedere di impegnarsi per dare un percorso privilegiato al Ddl, che eventualmente potrebbe diventare un decreto. Obiettivo, riconoscere l’obesità come malattia sociale e concedere la rimborsabilità di alcuni farmaci di fascia C destinati a questi pazienti”.

Il 3% degli italiani ha un problema di obesità grave. Si tratta di una malattia contemporanea, in aumento. Riconoscere l’obesità grave come una sorta di handicap vorrebbe dire risolvere una serie di pesanti problemi, che queste persone incontrano ogni giorno”, aggiunge il senatore. Il calendario è un’iniziativa “buona e intelligente” anche secondo Mastella, che presta il volto al mese di febbraio. “Credo ci si debba occupare di più di questi temi”, e non accontentarsi della semplice ‘fotografia’ di ciò che c’è, dice il ministro. Che ha ricordato di quando il figlio “aveva di questi problemi, che gli avevano portato anche difficoltà con i coetanei e con le ragazze”. Il Guardasigilli ha inoltre sottolineato l’importanza della dieta, ma anche della vicinanza e dell’attenzione della famiglia. Aggiungendo che “cause come questa sono fuori dal colore politico”.

Più fortunato Patrizio Oliva, pugile protagonista del mese di luglio, che può vantare l’aiuto di un metabolismo ‘attivo’, antidoto ai chili di troppo. “L’obesità è una malattia ed è giusto aiutare ed educare le persone a un’alimentazione sana. Quando combattevo per rientrare nella categoria dovevo calare di 7-8 chili, ma mi prendevo due mesi di tempo per farlo”, assicura lo sportivo. “Non ho mai fatto diete pazze o quelle cose che si sentono in giro. Poi per fortuna assimilo poco e brucio molto, tanto che ora sono 3-4 kg sopra rispetto a quando combattevo”. Il criminologo Bruno, scherzando sul suo ‘girovita’ abbondante, ha invece ricordato “l’importanza delle madri: gli adulti sono bambini cresciuti, che si portano dietro una storia di rapporto malato con il cibo”.

L’impegno dell’Adao non finisce con il calendario, sostenuto da Sanofi Aventis. L’associazione è infatti impegnata in un progetto di ricerca su obesità e giovani, pensato per aiutare i ragazzi e le loro famiglie.
fonte: http://www.adnkronos.com

Annunci

Responses

  1. http://3viso.com/bariatric-surgery-contro-lobesita/2008/12/04/

    Speriamo che veramente si accendano i riflettori su questa cosa che è davvero importante per evitare danni all’organismo


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: